Iperimmunizzazione

785
Print Friendly

L’iperimmunizzazione consiste nell’induzione di un numero maggiore del normale di anticorpi contro un antigene specifico che avviene mediante somministrazioni ripetute di antigeni in quantità crescenti: questo crea uno stato d’immunità alterato, differente rispetto al normale, che può causare molte patologie diverse

Iperimmunizzazione nell'uomo

La vaccinazione può produrre ipersensibilità ad antigeni microbici, e l’inoculazione di antigeni o vaccini nelle persone ipersensibili può suscitare reazioni locali e sistemiche acute di varia gravità: il modo intensivo col quale è stata effettuata l’immunizzazione nelle cavie ha dimostrato di produrre effetti avversi anche slatentizzati nel tempo

Un’ulteriore conferma la si trova nello studio scientifico “Studies of Hyperimmunization”, dove viene portato in rilievo il fatto che in sintesi si può affermare che l’immunizzazione prolungata dei conigli con antigeni batterici può portare allo sviluppo di due tipi di anticorpi autoreattivi che hanno come controparte fenomeni autoimmuni indubbi che innescano patologie del tessuto connettivo

L’immunizzazione ripetuta in un breve arco di tempo (solitamente senza una precedente verifica del titolo anticorpale effettivo) per raggiungere un elevato stato d’immunità si chiama iperimmunizzazione, mentre la risposta immunitaria agli antigeni innocui che portano a reazioni sintomatiche su riesposizione sono chiamati reazioni di ipersensibilità che possono causare patologie da ipersensibilità se si verificano ripetutamente. Questo stato di reattività accresciuta all’antigene è chiamato ipersensibilità

Una patologia autoimmune si verifica quando gli auto-antigeni innescano una specifica risposta immunitaria adattativa
La normale conseguenza d’una risposta immunitaria adattativa contro un antigene estraneo è l’eliminazione dell’antigene dall’organismo. Le cellule infettate dai virus, per esempio, vengono distrutte dalle cellule citotossiche T, mentre gli antigeni solubili vengono eliminati dalla formazione di complessi immunitari di anticorpi e antigeni captati dalle cellule del sistema dei fagociti mononucleari come i macrofagi

Quando si sviluppa una risposta immunitaria adattativa contro gli auto-antigeni, tuttavia, è generalmente impossibile che i meccanismi effettori immunitari possano eliminare completamente l’antigene, e così si verifica una risposta sostenuta: la conseguenza è che tale meccanismo immunitario causa delle lesioni infiammatorie croniche ai tessuti, che possono rivelarsi letali
I meccanismi di danno tissutale nelle patologie autoimmuni sono essenzialmente gli stessi che vengono riscontrati nelle patologie da ipersensibilità

I danni ai tessuti nelle patologie autoimmuni sono presenti poiché l’auto-antigene è un componente intrinseco dell’organismo stesso e, di conseguenza, i meccanismi effettori del sistema immunitario sono diretti ai tessuti stessi del corpo. Inoltre, poiché la risposta immunitaria adattativa è in grado di eliminare l’auto-antigene lesivo, la risposta immunitaria persiste, e vi è un apporto costante di nuovi auto-antigeni, che amplifica la risposta

L’approfondimento completo è presente su Box.net, al seguente indirizzo web.                       (to be completed in the evening!)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*